Cinema

I Dinosauri (Serie Tv)

I Dinosauri, è una serie televisiva con personaggi in costume. È composta da 65 episodi trasmessi negli USA dal 1991 al 1994. Racconta le vicende di una famiglia di dinosauri, i Sinclair, ed in Italia la serie è andata in onda su Rai 1, dal 1992.

LA FAMIGLIA SINCLAIR

Earl Sinclair
Il capofamiglia, è il marito di Fran, il padre di Robbie, Charlene e Baby, e il genero di Ethyl. Il suo nome completo è Earl Sneed Sinclair, ma lui non sopporta che lo si dica. Lavora come tagliaboschi alla WESAYSO, azienda di legname gestita da B.P.Richfield ed è lui a portare il denaro a casa. In tutte le puntate dice la sua frase iniziale “Tesoro, sono a casa!”.

Fran Sinclair
È la moglie di Earl, la madre di Robbie, Charlene e Baby, e la figlia di Ethyl, è quella che si occupa di tutte le faccende di casa. Moglie esemplare e madre amorevole. Il suo cognome da nubile è Phillips.

Robbie Sinclair
Il primogenito, è il figlio di Earl e Fran, il fratello maggiore di Charlene e Baby, e il nipote di Ethyl, ricalcato sul modello del figlio punk ribelle, Robbie ha due interessi: lo sport e le “ragazze”.

Charlene Sinclair
La secondogenita e unica figlia femmina, e la figlia di Earl e Fran, la sorella minore di Robbie, la sorella maggiore di Baby, e la nipote di Ethyl, e quella verso la quale sia Earl che Fran sono più apprensivi, ha i tipici problemi da ragazza adolescente, tra cui la scuola e i “ragazzi”.

Baby Sinclair
L’ultimo arrivato, è il figlio di Earl e Fran, il fratello minore di Robbie e Charlene, e il nipote di Ethyl. Proprio quando il fratello e la sorella stanno per farsi una propria vita, arriva l’uovo che porta il piccolo Baby, che già si fa riconoscere appena nato, sbucando dall’uovo come se fosse uno gnomo di una scatola a molla. Curioso e molto sicuro di sé, è il perno attorno al quale ruotano molte delle avventure della famiglia Sinclair. Il suo bersaglio preferito è suo padre Earl, al quale ne combina di tutti i colori e gli ricorda puntualmente che “Non è la mamma!” (frase che diventò il suo tormentone), anche se in fondo in fondo gli vuole molto bene (quando lo abbraccia e lo chiama “Papino”, Earl si intenerisce e lo stringe a sé).

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply